Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Terzi si dimette

20130326-165646.jpg

Dopo la Caporetto della diplomazia siamo all’8 settembre del Governo tecnico: il ministro degli Esteri annuncia le dimissioni in Parlamento

Le aveva smentite solo quattro giorni fa, ma alle giravolte Giulio Terzi di Sant”Agata ci ha abituato. La novità è invece quella di vedere un ministro della Repubblica che invece di rimettere la sua decisione nelle mani del presidente del Consiglio la annuncia di fronte al Parlamento. Non solo, appena concluso il suo intervento si è alzato il ministro della Difesa, Gianpaolo Di Paola, che ha detto che le parole del ministro degli Esteri, ancora sedutogli esattamente accanto, non rappresentavano l”opinione del Governo.

Insomma, dopo la Caporetto della diplomazia siamo all’otto settembre del Governo tecnico. E ora speriamo che ci risparmino il minuetto del rifiuto delle dimissioni. Nessuna persona dotata di un briciolo di razionalità può dubitare che il Governo Monti sia stato semplicemente il peggiore di tutta la storia repubblicana. Nessuno rimpiangerà l’esperienza della tecnocrazia, anzi sarà ricordata nella storia come esempio lampante dei gravissimi danni che può causare un sistema che pone alla testa della burocrazia, letteralmente il «potere degli uffici», non i politici in rappresentanza della sovranita popolare, ma «tecnici» esperti della stessa materia burocratica.

Elsa Fornero era considerata infatti tra le maggiori esperte della materia previdenziale e si è resa protagonista del conio di un nuovo termine, quello di «esodato». Una definizione che non è presente in nessun dizionario, tantomeno esiste nelle altre lingue o nei manuali economici, semplicemente perchê il danno da lei creato non ha precedenti nella storia delle società moderne.

Anche Giulio Terzi di Sant’Agata era considerato uno dei nostri migliori ambasciatori, eppure il suo comportamento non ha precedenti nella storia delle scienze politiche e il modo in cui ha gestito la questione dei due fucilieri di marina sarà ricordato come esempio negativo, la più clamorosa e fallimentare azione diplomatica della storia.

Gli italiani tutto questo lo hanno ben compreso e da tempo, non per nulla il nascente montismo è stato stroncato sul nascere, più di 9 italiani su 10 lo hanno silenziato e le uniche ali a rimanere spezzate sono state quelle dei suoi alleati politici. Bye, bye tecnici, anzi addio e per sempre a Monti, Terzi, Fornero & Company. Nessuno vi rimpiangerà mai e qualsiasi governo non potrà mai essere peggiore del vostro.

Rispondi