Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Suicida l’Ambasciatore serbo alla Nato

 

<h3>Si sarebbe gettato nel vuoto dal parcheggio dell’aeroporto di Bruxelles. La polizia belga ha già chiuso le indagini, tutte le prove dimostrano che si è trattato di suicidio </h3>

L’Ambasciatore di Serbia presso la NATO,  Branislav Milinkovic,  si sarebbe suicidato lanciandosi nel vuoto mentre accompagnava una delegazione diplomatica nel parcheggio dell’aeroporto di Bruxelles.  La vicenda non presenterebbe alcun mistero. Secondo la polizia belga che ha già chiuso l’inchiesta tutte le prove confermano che si sia trattato di suicidio.

Ha detto che nessun terzo è stato coinvolto nella morte di Branislav Milinkovic.

La morte del diplomatico 52 anni ha causato una forte sorpresa alla NATO, che si è tenuto il Martedì e Mercoledì una riunione dei ministri degli Esteri dei 28 paesi membri. Tanto più che non vi era alcuna indicazione di suicidio, il signor Milinkovic essendo apparso abbastanza normale durante il giorno, parlando con i giornalisti nei corridoi, ha testimoniato un giornalista serbo.

Sono profondamente addolorato per la tragica morte del Ambasciatore di Serbia, ha risposto il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen.

In qualità di ambasciatore presso la NATO, si era guadagnato il rispetto e l’ammirazione dei suoi colleghi. E ‘stato una grande risorsa per il suo paese e mancherà profondamente dalla NATO, ha detto Rasmussen.

Il diplomatico è stato ucciso nel parcheggio VIP Internazionale di Bruxelles, dove era andato per ospitare diplomatici di alto livello, tra cui il Vice Ministro degli Esteri della Serbia, Zoran Vujic, secondo la stampa serba.

Improvvisamente, la delegazione aderito al parcheggio, si allontanò e cadde dalla piattaforma ad un’altezza di dieci metri, secondo una fonte diplomatica a Bruxelles.

I vigili del fuoco e medici per l’aeroporto non poteva salvarlo, ha detto un portavoce per l’aeroporto, Jan van der Cruysse.

Branislav Milinkovic era un diplomatico di carriera che ha interessato in particolare di stanza a Vienna, con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Era sposato e padre di un figlio adolescente.

M. Milinkovic era di stanza a Bruxelles dal 2004, quando era ambasciatore in Serbia, che sostiene di essere militarmente neutrale, ha raggiunto lo status di paesi partner della NATO. Uno dei temi principali di discussione tra Belgrado e l’Alleanza è la situazione al confine con il Kosovo, garantito da truppe della NATO in operazioni KFOR.

Rispondi