Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Cina-Giappone: Sale la tensione sulle isole Senkaku

senkaku

Un aereo cinese sorvola l’arcipelago conteso. I caccia giapponesi decollano. Tokyo protesta formalmente con Pechino

Un velivolo militare per la sorveglianza marittima ha sorvolato giovedì le isole Senkaku, amministrate dal Giappone che ha subito fatto decollare i suoi caccia in direzione dell’arcipelago conteso.

Lo ha annunciato il portavoce del governo giapponese, Osamu Fujimura, dichiarando alla stampa che l’aereo cinese è entrato poco dopo 11:00 ora locale (03.00 ora italiana) nello spazio aereo delle isole del Mar Cinese Orientale rivendicate dal governo di Pechino, al quale il governo di Tokyo ha inviato subito una protesta ufficiale per questo che considera un grave incidente.

Le isole Senkaku, chiamate Diaoyu dai cinesi, sono al centro di una crescente tensione tra i due vicini. La disputa territoriale su questo arcipelago che è disabitato, ma il cui fondale circostante potrebbe contenere risorse notevoli, in particolare idrocarburi, una escalation iniziata nello scorso mese di settembre, in seguito alla nazionalizzazione di alcune di queste isole che il Giappone ha acquistato da un suo privato cittadino.

La questione aveva sollevato in Cina numerose manifestazioni anti-giapponesi, a volte sfociate nella violenza. Spesso le navi mercantili cinesi si trovano ad attraversare le acque territoriali dell’arcipelago situato a circa 200 km ad Est delle coste di Taiwan, mentre sono a 400 km ad Ovest di Okinawa, nel Giappone meridionale.

Questa è la prima volta dall’inizio della crisi, che un aereo militare sorvola l’arcipelago, e preoccupa anche il tipo di veivolo utilizzato, che lascia pensare ad una ricognizione panoramica del territorio, cosa che non può far altro che alzare la tensione tra i due vicini.

Rispondi