Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Euro: arrivano nuove banconote

Foto archivio Banca Centrale Europea

L’ologramma di “Europa” che sarà presente sulle nuove banconota da 5 euro – Foto Banca Centrale Europea

Nella nuova serie che Draghi presenterà il prossimo 10 gennaio compariranno per la prima volta anche ritratti. Sui 5 euro l’ologramma di “Europa” ispirata ad un vaso greco del Louvre

Il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi ha dato l’annuncio lo scorso novembre, anche se presenterà il primo biglietto da 5 euro solo il prossimo 10 gennaio, mentre la nuova carta moneta entrerà in vigore da maggio 2013.

Le nuove banconote rappresentano un’evoluzione. Mostrano infatti gli stessi disegni della prima serie, ispirata al tema “Epoche e stili”, ma le avanzate caratteristiche di sicurezza hanno comportato lievi modifiche. In tal modo sarà anche più facile distinguere la nuova serie dalla prima, la cui scala dei tagli rimarrà comunque invariata: €5, €10, €20, €50, €100, €200 e €500.

Dal punto di vista grafico le nuove banconote in euro fanno parte della stessa “famiglia” della prima serie. Tuttavia sono state modificate per rinnovare gli elementi estetici e per integrare caratteristiche di sicurezza nuove e avanzate. L’incarico di rielaborare la veste grafica delle banconote in euro è stato affidato, a seguito di una selezione, a Reinhold Gerstetter, bozzettista che opera a Berlino.

Il disegno della nuova serie di banconote in euro rispetta la filosofia grafica della prima serie ideata da Robert Kalina. Vi compaiono finestre, portali e ponti che rappresentano gli stili architettonici di sette periodi della storia dell’arte europea, ma che non riproducono monumenti o ponti realmente esistenti.

Le finestre e i portali simboleggiano lo spirito di apertura e partecipazione che anima i paesi europei. I ponti sono una metafora dell’intensa collaborazione e del dialogo fra i popoli europei, nonché fra l’Europa e il resto del mondo.

La grande novità riguarderà il ritratto. Non presenti nella prima serie degli euro, i ritratti sono invece tradizionalmente utilizzati per il disegno delle banconote in tutto il mondo. Alcune ricerche dimostrano che le persone riconoscono i volti con relativa facilità. Per questo motivo è stato scelto di apporre nella filigrana e nell’ologramma dei nuovi biglietti il ritratto di Europa, figura della mitologia greca.

Il vaso greco del Louvre che raffigura "Europa" utilizzata per le nuove banconote da 5 euro

Il vaso greco del Louvre che raffigura “Europa” utilizzata per le nuove banconote da 5 euro

Il ritratto ha un chiaro legame con il nostro continente e, inoltre, dona un tocco umano alle banconote. L’effigie è tratta da un antico vaso greco datato ci circa duemila anni e conservato al Louvre. Nella mitologia greca Europa, figlia di un re fenicio, fu sedotta dal dio Zeus che nelle sembianze di un toro la rapì portandola a Creta. Questo mito ha indotto gli antichi greci a utilizzare “Europa” come termine geografico.

L’introduzione della serie di banconote ispirata a Europa avverrà con una tempistica diversa rispetto alla sostituzione del contante nel 2002. I vari tagli saranno immessi in circolazione in momenti differenti e quindi l’introduzione dell’intera serie si svolgerà nell’arco di più anni, mentre la sostituzione del contante nel 2002 è stata realizzata in un unico momento.

Dato che le nuove banconote saranno introdotte gradualmente e che ogni paese ha un proprio “ciclo del contante”, la velocità di sostituzione dei biglietti non sarà omogenea a livello di area dell’euro. Infatti, il tempo necessario perché le nuove banconote rimpiazzino le vecchie varierà da un paese all’altro. Si prevede comunque che nell’area valutaria le nuove banconote da €5 saranno più numerose di quelle della prima serie entro l’autunno 2013.

In molti paesi dell’area dell’euro le scorte rimanenti di banconote da €5 della prima serie saranno immesse in circolazione per vari mesi, fino a esaurimento, insieme ai biglietti della nuova serie. Entrambe le serie avranno quindi corso legale e circoleranno in parallelo. La data in cui le banconote della prima serie saranno dichiarate fuori corso sarà annunciata con largo anticipo, resterà comunque possibile cambiarle per un periodo di tempo indeterminato presso le Banche centrali di ogni singola nazione dell’Eurosistema.

Frutto dei progressi della ricerca tecnologica la nuova cartamoneta avrà nuove e importanti caratteristiche di sicurezza che offrono una maggiore protezione dalla falsificazione, rendendo le banconote più sicure. La strategia di ricerca e sviluppo dell’Eurosistema mira a rendere le banconote in euro talmente sicure da costituire un deterrente per i falsari. Gli enti creditizi, le categorie professionali che operano con il contante e i cittadini devono poter riconoscere i biglietti falsi, dando così il proprio contributo alla strategia di contrasto alla falsificazione.

Le nuove banconote avranno anche una durata più lunga rispetto alla prima serie e quindi non dovranno essere sostituite con la stessa frequenza. Questa è una caratteristica importante soprattutto per il biglietto da €5, particolarmente soggetto a usura. Un ciclo di vita più lungo significa anche una riduzione dell’impatto ambientale delle nuove banconote

Fonte: Banca Centrale Europea

Rispondi