Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Le autorità irachene giustiziano 11 condannati per terrorismo

hassan-al-chammari

Le pressioni internazionali non hanno sortito alcun effetto: Bagdad ha eseguito le sentenze capitali comminate a condannati per terrorismo

«Undici terroristi, tutti di cittadinanza irachena, sono stati giustiziati domenica» ha dichiarato un funzionario del governo iracheno che ha sottolineato che erano stati condannati dai tribunali per aver effettuato attacchi terroristici. Sulla pagina Facebook il ministero ha pubblicato un elenco dei giustiziati, identificandoli solo con le loro iniziali e specificando i crimini che avevano commesso.

Almeno 162 persone sono state giustiziate in Iraq dall’inizio dell’anno mentre nel 2012 sono state giustiziate 129 persone in base alle relazioni del ministero della giustizia iracheno guidato da Hassan al-Chammari.

Non solo Amnesty International ma anche le Nazioni Unite sono allarmate dall’aumento del numero di esecuzioni in Iraq ed hanno invitato le autorità a commutare le condanne a morte in ergastolo o almeno di procedere con una moratoria .

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani Navi Pillay, ha evidenziato che il sistema giudiziario iracheno ha troppi e gravi difetti per continuare nell’applicazione anche limitata della pena di morte: «Questa situazione è indecente, molte sentenze sono erogate sulla base di confessioni ottenute con la tortura e maltrattamenti, il processo penale in Iraq è molto al di sotto degli standard internazionali».

Rispondi