Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Verso la Nuvola europea

Si è riunito per la prima volta a Bruxellex il comitato direttivo del nuovo partenariato europeo per il Cloud computing

L’European Partnership cloud – ECP avvierà il processo di collaborazione tra governi e aziende e contribuire alla creazione di un mercato unico della cosidetta Nuvola digitale, i servizi e applicativi informatici forniti da providere agli utenti che possono archiviare o elaborare dati sui loro server. In particolare, l’obiettivo della partnership è quello di sfruttare il potere d’acquisto del settore pubblico per modellare il mercato europeo dei servizi di cloud computing in un virtuoso processo di crescita e maturazione. Sotto la guida di Toomas Hendrik Ilves, Presidente della Repubblica di Estonia, la commissione comprende oltre a funzionari governativi funzionari governativi responsabili degli appalti nel settore della Information Technology anche molti amministratori delegati di società private. La commissione avrà anche il compito di fornire consulenza strategica al Vice-Presidente della Commissione, Neelie Kroes, la quale ha dichiarato per l’occasione: “Il contributo di questi funzionari mi parve davvero necessario, in modo che tutti in Europa, siano immediatamente a conoscenza dei vantaggi del cloud computing“. Sotto la guida del suo comitato esecutivo, l’ECP riunirà autorità pubbliche e consorzi industriali, al fine di seguire gli appalti pre-commerciali dei servizi cloud per il settore pubblico. Oggi, il comitato direttivo ha anche discusso i suoi obiettivi definendoli per il periodo 2013-2014. Ma il comitato cercherà soprattutto di di sensibilizzare e sviluppare soluzioni pratiche per facilitare l’adozione del cloud computing nel settore pubblico. Inoltre, il Comitato ha deciso di sostenere il lavoro della Commissione per quanto riguarda le norme e i sistemi di certificazione per il cloud computing. Si è anche parlato di avviare entro il 2014 un censimento dei progetti pilota transnazionali interoperabili nel campo del cloud computing nei settori chiave dell’economia e della vita pubblica, come per esempio eID, smart cities, e-health, e-istruzione, ricerca e servizi di contenuti digitali.

Rispondi