Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Il Papa critica il sistema economico

bergoglio

Il Santo Padre ricevendo la delegazione della FAO punta il dito sulla speculazione finanziaria e lo scandalo della fame

Le agenzie internazionali stanno rilanciando le parole espresse con vigore da Papa Francesco che in occasione del ricevimento in Vaticano di una delegazione dell’Assemblea della FAO ha parlato di “corruzione” in favore di una minoranza e di “speculazione finanziaria che determina l’aumento del costo del cibo”.

In un discorso fortemente critico sul sistema economico internazionale, Papa Francesco ha denunciato “lo scandalo della fame“. «Non basta – ha detto ai circa 400 rappresentanti dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite – che l’azione internazionale sia vivace e di buona volontà e quel che è peggio è che spesso le promesse non vengono mantenute».

Secondo il Papa l’attuale crisi globale è una scusa, la situazione che stiamo vivendo, se è direttamente legata a fattori finanziari ed economici è pure conseguenza di una crisi di convinzioni e di valori, compresi quelli posti a fondamento della vita internazionale: «Persona e dignità umana rischiano di diventare un’astrazione di fronte a questioni come l’uso della forza, la guerra, la malnutrizione, l’emarginazione, la violenza, la violazione delle libertà fondamentali o la speculazione finanziaria, che in questo momento condiziona il prezzo degli alimenti, trattandoli come ogni altra merce, dimenticando la loro destinazione primaria. Il nostro compito sta nel riproporre, nell’attuale contesto internazionale, la persona e la dignità umana non come semplice richiamo, ma piuttosto quali pilastri su cui costruire regole condivise e strutture che, superando il pragmatismo o il solo dato tecnico, siano in grado di eliminare le divisioni e colmare i divari esistenti. In tale direzione, è necessario contrastare i miopi interessi economici e le logiche di potere di pochi che escludono la maggioranza della popolazione mondiale e generano povertà ed emarginazione con effetti disgregatori sulla società, così come è necessario combattere quella corruzione che produce privilegi per alcuni e ingiustizie per molti»

Il Papa ha accolto con favore la volontà della FAO di dedicare il prossimo anno alla “famiglia agricola”: «Al di là del momento celebrativo, deve rafforzarsi la convinzione che la famiglia è il luogo principale della crescita di ciascuno, poiché attraverso di essa l’essere umano si apre alla vita e a quella esigenza naturale di relazionarsi con gli altri. Sono tante le volte che possiamo constatare come i legami familiari siano essenziali per la stabilità dei rapporti sociali, per la funzione educativa e per uno sviluppo integrale poiché animati dall’amore, dalla solidarietà responsabile tra generazioni e dalla fiducia reciproca. Sono questi gli elementi capaci di rendere meno gravose anche le situazioni più negative e condurre ad una vera fraternità l’intera umanità, facendola sentire una sola famiglia nella quale le attenzioni maggiori sono rivolte ai più deboli» ha concluso il Papa.

Rispondi