Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Il gruppo Siemens annuncia 15mila esuberi

siemens

I tagli previsti per il 2014 riguarderanno 15.000 posti di lavoro in tutto il mondo di cui un terzo in Germania

Il gruppo Siemens ha dichiarato oggi di essere in grado di comunicare questo enorme downsizing perché è stato prima discusso con i rappesentanti del personale: «Rispettiamo sempre i nostri impegni: prima si discute con i dipendenti e poi si comunica pubblicamente>.

La sostanza però non cambia, il colosso di Monaco di Baviera, dopo una estate ricca di turbolenze che ha portato al licenziamento di Peter Löscher sostituito dal direttore finanziario del Joe Kaeser porta avanti un piano globale di ristrutturazione che nel 2014 dovrebbe consentire al gruppo un risparmio di 6 miliardi di euro. Come? Licenziando 15mila dipendenti in tutto il mondo, di questi ben 5mila in Germania.

Guarda caso l’annuncio arriva solo dopo le elezioni ma la considerazione più amara è che la filosofia finanzocentrica che sta devastando l’Europa si è ormai insediata anche alla guida dei colossi industriali che hanno segnato il progresso imprenditoriale del dopoguerra. All’ottimismo degli imprenditori si sta sostituendo il pessimismo dei burocrati finanziari, di piani di investimento e di rilancio nemmeno l’ombra, contano solo i risultati a breve da ottenere ad ogni costo. E mentre l’America e il Giappone continuano ad immettere ogni mese miliardi e miliardi di liquidità il declino europeo appare sempre più segnato.

Rispondi