Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Francia: 250 under 15 muoiono ogni anno in incidente domestici

incidenti-bambini

La mancanza di controllo da parte dei genitori è ritenuto quale fattore responsabile di 250 decessi all’anno di bambini e ragazzi

Una statistica appena pubblicata in Francia invita tutti alla riflessione: circa 230 bambini e ragazzi sotto i 15 anni muoiono ogni anno in Francia per banali incidenti domestici e quotidiani. Una media di 5 morti alla settimana, e questo avviene spesso a causa di una mancanza di controllo da parte dei genitori.

A rivelarlo è uno studio dell’Istituto Nazionale per la Sorveglianza Sanitaria (InVS), che pone l’accento su annegamento, cadute e soffocamento, decessi che avvengono quasi sempre in circostanze confuse e sottolineano come la mancanza di controllo sui bambini piccoli rimane il più importante fattore di rischio. I medici intervistati menzionano infatti questa causa come la principale nella maggior parte dei decessi di bambini al di sotto un anno (6 volte su 8) mentre riguarda il 57% dei decessi di bambini di età compresa tra 1 a 4 anni, l’età in cui si verifica il maggior numero di decessi.

Altri rischi associati e pericolosi sono l’uso improprio da parte di bambini, di elementi tossici presenti nelle mura domestiche, di strumenti del fai da te e di giardinaggio, ma anche di prodotti la cui ingestione può essere leale, dalle batterie ai frammenti di palloncini o monete.

A volte gli incidenti sono causati da malfunzionamento dei sistemi di protezione di piscine private o dall’assenza di ringhiere alle finestre ed alle scale che eviterebbero rovinose cadute.

L’indagine si è anche soffermata su cinque drammatici casi di morti avvenute per impiccagione. Si tratta di bambini tra i 10 e i 14 anni, e sono casi particolari in cui non è stato possibile chiarire in maniera certa se si sia trattato di una sottovalutazione del rischio di un gioco di soffocamento o di decisa volontà di suicidio.

Rispondi