Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Erdogan resiste ed alza la voce

Erdogan

Il premier turco minaccia di espellere alcuni ambasciatori accusati di provocazioni legate allo scandalo sulle bustarelle che rischia di travolgere il suo governo

«Alcuni ambasciatori sono impegnati in azioni di provocazione – ha osservato il premier turco in visita sulle rive del Mar Nero nella città di Samsun – Non siamo obbligati a mantenerli nel nostro paese».

Secondo alcuni media filo-governativi le dichiarazioni di Recep Tayyip Erdoğan rappresentano un non proprio velato avvertimento rivolto all’Ambasciatore americano Francis Ricciardone. Lo scandalo senza precedenti riguarda anche la banca pubblica Halkbank finita sotto accusa per transazioni illegali con l’Iran e secondo diversi giornali turchi proprio l’ambasciatore Ricciardone avrebbe cercato il favore degli ambasciatori dell’Unione europea presenti in Turchia affermando: «Abbiamo chiesto alla Halkbank di tagliare le sue relazioni con l’Iran, ma non ci hanno ascoltato. Ora stiamo assistendo al crollo di un impero».

Il direttore generale della Halkbank, Suleyman Aslan è rimasto coinvolto insieme ai figli di due ministri nell’inchiesta di corruzione che colpisce al cuore il governo Erdogan al potere dal 2002. Aslan è stato infatti accusato di aver ricevuto enormi tangenti ed ha destato clamoroso scalpore nella opinione pubblica turca la notizia che la polizia gli avrebbe sequestrato ben 4,5 milioni di dollari in contante nascosti in alcune scatole di scarpe.

Rispondi