Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Dichiarata insolvente la banca di Romanov

romanov

La Banca centrale lituana ha dichiarato insolvente la Ukio Bankas di cui aveva sospeso l’attività lo scorso 12 febbraio a seguito di irregolarità

La Ukio BanKas, la sesta del Paese, era detenuta a maggioranza dall’uomo d’affari di origine russa Vladimir Romanov.

La Banca di Lituania l’ha riconosciuta come insolvente ed ha quindi revocato la sua licenza, affidandone l’amministrazione ad un Commissario temporaneo che tramite un’altra piccola banca lituana, la Siauliu Bankas trasferirà i depositi, le spese, le transazioni e i crediti di Ukio Bankas.

Secondo la banca centrale, Ukio Bankas aveva valutato inadeguato il rischio di credito non più soddisfacente al rapporto legale di liquidità. Il primo Ministro lituano Algirdas BUTKEVIČIUS aveva sostenuto la decisione di sospendere le attività della banca ritenendo che non avrebbe avuto un impatto sull’economia del Paese baltico, popolato da 3 milioni di abitanti.

Il premier ha assicurato che il suo Governo di centro sinistra avrebbe adempiuto all’obbligo di garantire i depositi privati fino a 100.000 euro. Vladimir Romanov, il proprietario della squadra scozzese di calcio Hearts e del club di pallacanestro lituano Zalgiris Kaunas, detiene il 64,9% di Ukio Bankas. I pubblici ministeri hanno aperto un’inchiesta per valutare eventuali sperperi e dubbi contratti stipulati tra il 2005 e il 2012, ma al momento non hanno ancora effettuato addebiti penali.

Rispondi