Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Clicca su “Mi piace” e ti dirò chi sei

ilike

Uno studio britannico afferma che è possibile con algoritmi matematici capire molto sugli utenti in base ai loro clic su Facebook

Analizzare i clic sul pulsante “Mi piace” di Facebook permetterebbe di conoscere degli utenti la loro razza, età, sesso, orientamento politico e persino il loro quoziente intellettivo. I ricercatori che hanno lavorato allo studio appena pubblicato negli Stati Uniti hanno sviluppato algoritmi che creano profili di personalità potenzialmente rivelatrici dei dati intimi e personali degli utenti del famoso social network.

Questi modelli matematici sarebbero in grado di dare risultati con una precisione entro l’88% per determinare la sessualità mentre sarebbero attendibili al 95% per distinguere tra bianchi e neri. Per quanto riguarda l’orientamento religioso, cristiani e musulmani sono stati correttamente identificati nell’82% dei casi. Questi algoritmi sono anche in grado di estrapolare le informazioni per dedurre l’orientamento sessuale, se l’utente fa uso di droga andando addirittura a comprendere se i genitori dell’utente erano divorziati.

«Ovviamente sono dati che possono essere usate per scopi commerciali, utili per indirizzare campagne pubblicitarie o di marketing, ma possono anche rivelare informazioni molto personali» ha dichiarato David Stillwell dell’Università di Cambridge, uno dei co-autori di questa ricerca britannica pubblicata nella rassegna della “American Academy of Sciences“.

Lo stesso ricercatore ha osservato che utili informazioni potrebbero essere ottenute anche analizzando l’utilizzo dei motori di ricerca ed ha rivelato che lo studio ha esaminato oltre 8.000 utenti di Facebook, i quali si sono offerti di utilizzare il pulsante “mi piace”, per fornire il loro profilo demografico e partecipare ai test psicometrici. Le statistiche si basano in sulle deduzioni incrociando una enorme quantità di dati. Questo significa, per esempio, che l’omosessualità non viene stabilità semplicemente perché un utente clicca o naviga all’interno di un siti gay, ma piuttosto viene dedotta dalle loro preferenze, per esempio da quelle musicali o dai show televisivi che guardano.

Per ottenere dati significativi sono davvero molti i dati analizzati, ma solo a titolo esplicativo, le persone con un quoziente di intelligenza elevato, preferiscono per esempio le trasmissioni di satira politica o i film classici come “To Kill a Mockingbird” o “Il Padrino“, mentre quelli con un basso quoziente intellettivo preferiscono invece cantanti come Bret Michaels, il leader dei “Poison” un gruppo rock degli anni ’80.

Rispondi