Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Clamore in Francia per una anziana espulsa dalla casa di riposo

anziani

Il caso di una 94enne allontanata dalla casa di cura per questioni economiche indigna l’opinione pubblica francese

La prefettura francese della Hauts-de-Seine ha chiamato in causa l’Agenzia Regionale Sanitaria in una inchiesta che indaga sulla espulsione di una ultra novantenne dalla casa di riposo privata di Chaville in cui era ricoverata da anni .

Un caso che rimbalzato nei media ha sollevato clamore e grande sdegno nell’opinione pubblica francese.

La Casa di riposo, dopo aver ripetutamente contattato il figlio della anziana signora di 94 anni per sollecitarlo a saldare le rate della retta non pagate, la casa di riposo Villa Bonsoleil, aveva quindi deciso di riportarla a casa. Non trovando nessuno, il personale paramedico l’aveva quindi abbandonata a ridosso del pronto soccorso dell’ospedale di Châteaudun.

Un comportamento giudicato inaccettabile dall’opinione pubblica, che ora ha sollevato anche l’attenzione della magistratura.

La direzione della casa di cura oggi ha chiesto pubblicamente scusa: «avrebbe dovuto essere riportata a casa e non lasciata in un ospedale. Questa è stata una decisione goffa e imbarazzante» ha dichiarato Richard Claverie, un manager della casa di riposo.

A nostro avviso, peggio che goffe sono state le “diaboliche” motivazioni che hanno accompagnato le scuse. Infatti il manager si è giustificato spiegando che un avviso era stato inviato per raccomandata alla fine di novembre 2012, seguito da una seconda lettera, in cui la direzione spiegava ai familiari che occorreva che reagissero entro l’inizio di gennaio, ma essendo entrambe le lettere rimaste senza risposta, la direzione ha quindi richiesto un decreto dal giudice di Nanterre, che ha ordinato il pagamento degli arretrati.

Ebbene, malgrado questo, la direzione ha ritenuto opportuno allontanare l’anziana. Un esempio di come ormai si stia diffondendo nel cuore dell’Europa la filosofia da anni promossa dalle oligarchie finanziarie, che considerano i conti e le questioni economiche più importanti della dignità umana.

Rispondi