Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Carla Bruni fa arrabiare le femministe francesi

Il grande ritorno in copertina della ex Première Dame di Francia macchiato dalle polemiche scatenate su twitter dalle sue dichiarazioni sul femminismo

Una raffica di tweet si è abbattuta ieri su #ChereCarlaBruni in risposta alle anticipazioni di una intervista che l’ex Première Dame di Francia ha rilasciato alla rivista Vogue, che nel numero di dicembre le dedica la copertina. Secondo Carla Bruni-Sarkozy “non c’è bisogno di essere femminista nella mia generazione”. Nella twittosfera le reazioni sono state immediate. Una valanga di twitt con esempi, fatti e cifre per dimostrare che ancora oggi il sessismo è presente e il femminismo è una reale necessità. “Ci sono state delle pioniere che hanno aperto la breccia. Io invece non sono per nulla una femminista militante – afferma Carla Bruni-Sarkzoy nell’intervista – Io amo la vita familiare, mi piace fare ogni giorno la stessa cosa. Mi piace avere un marito e sono una vera borghese!“. Propositi che non potevano passati inosservati, soprattutto tra le associazioni femministe.

Tra gli utenti del social network più incazzati Claire-Serre Combe e Magali de Hass, due esponenti del femminismo francese. Giovedì il quotidiano Libération pubblicherà i loro interventi, titolandoli: «Ci permetta di spiegarle perché il femminismo è più necessario che mai».

Ma sarebbe sbagliato considerare tutto questo come uno scivolone. Infatti, il clamore darà ancora maggiore risalto a questa intervista che in un solo colpo permetterà alla Bruni di colpire due importanti obiettivi. Il primo sarà quello di far dimenticare l’immagine della femme fatale, che prima di sposare le Président, si diceva annoiata dalla monogamia e professava una naturale propensione alla dominazione del maschio e allontanare le maligne voci che la volevano prossima ad abbandonare l’avventura coniugale. Il secondo, non meno importante, quello di promuover il suo ultimo disco che uscirà il prossimo 3 dicembre. Carlà colpisce ancora, e sembra proprio non sbagliare mai un colpo.

Rispondi