Pages Navigation Menu

Il giornalismo al servizio del pubblico interesse

Brasile: scandalo medici assenteisti

dedos

Con repliche di dita in silicone medici e infermieri ingannavano gli scanner biometrici che registravano ingressi e uscite di un ospedale nell’area metropolitana di San Paolo

Alcuni medici di un ospedale di San Paolo per diversi anni hanno utilizzato delle copie in silicone del loro pollice per nascondere le loro assenze grazie alla complicità di colleghi che ingannavano gli scanner biometrici che regolavano l’ingresso e l’uscita dalla struttura.

A far esplodere lo scandalo il canale televisivo brasiliano “Globo” che ha mandato in onda le immagini che di un medico che oltre al suo ingresso nell’ospedale di Vasconcelos, nell’area metropolitana di San Paolo, registra anche quello di altri due suoi colleghi,utilizzando le repliche in silicone delle loro dita.

Quel medico, si trattava di una donna è stata arrestata dalla polizia che ha scoperto altri undici medici e venti infermieri dell’ospedale erano coinvolti e usavano questo sistema per eludere il controllo e praticare l’assenteismo.

Il caso è ovviamente salito alla ribalta dell’opinione pubblica e i medici hanno iniziato con lo scaricabarile.
Uno dei medici ha dichiarato di essere innocente, costretto a questo sistema perché era una condizione necessaria per poter mantenere il suo posto di lavoro.

Mentre le indagini proseguono e le autorità hanno già ottenuto il licenziamento di cinque medici, la stampa ha subito individuato il principale responsabile della vicenda: il leader di questa banda sarebbe infatti il Capo dell’Unità Mobile di Emergenza, Jorge Luiz Cury, che oltre a controllare il sistema, sarebbe persino riuscito a far ottenere per tre anni alla figlia uno stipendio senza aver mai lavorato.

Rispondi